Tartarughe Caretta Caretta

Liberate al largo della riserva marina di Punta Campanella Geo, Bimba e Resuscitata, tre esemplari di tartarughe Caretta Caretta trovate ferite e curate presso il Ninja Turtle Point di Napoli.
Geo era stata ripescata ferita da una lenza, Bimba era invece andata a sbattere contro un'imbarcazione mentre Resuscitata e' stata salvata, non ci crederete, dall'annegamento.
(Fonte: animalianimali.it)


CACAO SALTO CON L'ASTA

Notizie di sport e diritti umani

In Burkina Faso sta per partire la 19.ma edizione del Tour du Faso, una delle piu' importanti gare ciclistiche dell'Africa (insieme al Tour du Senegal).
11 squadre africane e 6 europee alla partenza. Ci doveva essere anche una formazione giapponese ma sono stati mangiati.


Berlusconi a proposito dei manifestanti contro la Riforma Moratti

"Padre, perdona loro perche' non sanno quello che fanno". Lo ha affermato Berlusconi a proposito dei manifestanti contro la Riforma Moratti.
Adesso si mette a rubare le battute ai parenti. (Dal "Ruggito del Coniglio" - Radio 2)


IL CACAO DEI LETTORI

Dopo 20 anni di cause legali, la Corte Europea ha finalmente deciso che il formaggio insipido danese dal nome "Feta" dell´azienda Arla (che sta monopolizzando il mercato di latte e derivati in Nordeuropa) non puo' piu' chiamarsi col nome del prodotto tradizionale greco.
Arla ed altri hanno ora cinque anni per cambiare i nomi dei loro prodotti.
Nel futuro la cosidetta "Feta" danese potrebbe chiamarsi "Atef"

(Segnalata da Charlotte Sylvestersen, Danimarca, grazie!)


Ecomondo

In questi giorni, fino a sabato, si svolge a Rimini Ecomondo, fiera internazionale del recupero e riciclo dei rifiuti. Legno, plastica, alluminio, carta, vetro, ferro, non c'e' materiale che non possa essere trasformato e riutilizzato, in qualsiasi ambito: dalla casa all'ufficio, alla scuola, fino alle giostrine per i bambini nei parchi pubblici.
L'edizione di quest'anno e' dedicata in particolare al settore ufficio, un terreno in cui il riciclo e' ancora pressoche' sconosciuto e a volte addirittura boicottato. Un esempio sono le cartucce per le stampanti. Invece di comprarne ogni volta di nuove si potrebbero "rigenerare" quelle vecchie, riempiendole nuovamente di inchiostro, ma alcune aziende hanno impedito questa pratica facendo in modo che le stampanti non riconoscessero le cartucce rigenerate (mettevano dei microchip che si attivavano quando l'inchiostro finiva) o facendo decadere le garanzie. La Lexmark e' arrivata addirittura a intentare una causa legale contro i "rigeneratori", bocciata dall'Antitrust Usa.
Una cartuccia per stampante nuova costa dai 15 ai 30 euro, a seconda della marca, una cartuccia rigenerata costa invece dai 2 ai 10 euro.
Un'altra buona notizia in materia di riciclo e' che nel 2006 dovrebbe entrare in vigore la direttiva europea Raee (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) che tra le varie novita' obbliga i produttori di elettrodomestici e computer a farsi carico dello smaltimento della merce usata, inserendo un sovrapprezzo al momento della vendita.


Amministrazioni comunali - Due esempi da imitare

Il Consiglio provinciale di Venezia ha approvato un nuovo regolamento sugli sponsor pubblici.
L'amministrazione non accettera' piu' sponsorizzazioni di banche e aziende coinvolte nella produzione e nel commercio di armi.
(Fonte: Greenplanet)

Il Comune di Monterotondo, Roma, ha invece annunciato che le nuove auto blu, quelle utilizzate dai funzionari pubblici e pagate dallo Stato, saranno ibride, dotate cioe' di trazione a benzina ed elettrica.
Queste auto funzionano solo col motore elettrico quando vanno a basse velocita' (tipico della citta') e si riducono a zero le emissioni inquinanti.


McDonald's

La McDonald's ha annunciato che stampera' le informazioni nutrizionali dei propri prodotti sugli involucri. Sara' il primo caso in cui da un panino emergono violazioni dei diritti umani. Il BigMac, ad esempio, contiene circa la meta' della razione quotidiana di grassi raccomandata dai nutrizionisti.
Una buona notizia, che potrebbe aver l'effetto sperato di allontanare i clienti, soprattutto i ragazzini, dal cibo veloce.


Le Storie Vere di Internazionale

Il sindacato unitario dei lavoratori dell'industria alimentare statunitense ha organizzato una manifestazione di protesta per le condizioni di lavoro cui sono sottoposti i dipendenti della Wal-Mart di Henderson, in Nevada: si tratta di un colosso della distribuzione americana, da anni al centro di proteste e campagne contro il trattamento dei dipendenti.
Nessuno degli assunti e' pero' iscritto al Sindacato, che ha dovuto ripiegare su alcuni figuranti per fare il picchetto di protesta. La paga di un figurante e' di 6 dollari l'ora, senza contributi. Un dipendente Wal-Mart ne guadagna 10,17.

(Fonte: Internazionale n. 613)