Le Ferrovie dello Stato odiano i viaggiatori. Anche quelli ricchi.

Ondata di flashmob per convincere le Ferrovie dello Stato ad amare l’umanità. In quest’Italia dell’assurdo conclamato c’è gente che ha difficoltà a mettere al primo posto la gente che si alza presto al mattino e prende il treno locale per andare a lavorare. Così i treni sono sporchi, sovraffollati, insicuri, in ritardo e con orari decisi da disturbati aritmetici.
L’Alta Velocità per alcuni è un sacco figa, mentre il pendolare rovina il panorama. E di questo non c’è da stupirsi perché l’ideologia classista è dura a morire, più facile che muoia un pendolare per un treno che si ribalta perché il binario era sostenuto da un pezzo di legno. È invece stupefacente scoprire che ai vertici delle Ferrovie c’è qualcuno che ce l’ha anche con i ricchi, compresi quelli che viaggiano in primissima classe. Forse qualche militante estremo di Potere al popolo, forse qualche nichilista esistenziale che odia l’umanità in toto per il solo fatto che siam bipedi…

Continua a leggere su Il Fatto Quotidiano.

 

 

Categorie: 

Se Pietro Verri avesse realizzato il suo intento oggi con la mafia avremmo potuto concimare i campi

Di Ste Stells
Perché la mafia si interessa all’ambiente più di quanto faccia il cittadino medio? Proviamo a fare chiarezza sul rapporto tra la mafia e l’ambiente, anche grazie a chi la mafia la combatte e la racconta.
Continua su People For Planet

Categorie: 

Hai visto le infermiere alla stazione di Bologna? (VIDEO)

Perché nella stazione ferroviaria di Bologna, binari alta velocità, non hanno messo le panchine per sedersi mentre si aspetta il treno?
Nel video il flash mob organizzato da Jacopo Fo alla stazione ferroviaria di Bologna. Insieme a tre infermiere ha prestato soccorso ai viaggiatori stanchi offrendo delle comode sedie.
Clicca qui per vedere il video
Qui invece la nostra lettera aperta al Presidente di Rete Ferroviaria Italiana: le Ferrovie italiane devono pensare a produrre “trasporto su rotaia” o si devono occupare della soddisfazione dei viaggiatori?

Categorie: 

L’amore conta più del colesterolo

Lo affermano gli scienziati di Harvard in uno studio che dura da più di 80 anni.
Gli studiosi hanno seguito la vita di circa 300 studenti che hanno frequentato il college tra il 1938 e il 1944 e hanno “scoperto” che per vivere a lungo: “Non basta essere brillanti per invecchiare bene devi essere innamorato, o comunque avere relazioni affettive forti, in famiglia (padre e madre naturalmente, ma anche fratelli, sorelle, zii, cugini e tutti quelli che ci vengono in mente) e fuori, e poi tanti amici” afferma George Vaillant, uno di coloro che si sono avvicendati a capo di questa avventura.
Nella cattiva salute e nell’aspettativa di vita, l’ipertensione e il colesterolo alto hanno meno incidenza della solitudine. Quindi sì: fare attività fisica, mangiare sano ma soprattutto: dedicate tempo ai rapporti umani!

 (...) Continua a leggere CACAO di oggi

Dormire bene per vivere meglio

Oggi è il 16 marzo ed è anche la Giornata nazionale del dormire sano! Una buona occasione per fare il punto sulle molte implicazioni che insonnia e disturbi del sonno hanno sulla salute, la società, l’economia. E per ragionare sulle possibili soluzioni… perché in Italia sono più di 12 milioni le persone che soffrono di insonnia!
Continua a leggere su People For Planet

Categorie: 

Piccole hacker crescono

Il registro di classe elettronico non ferma gli studenti, li rende solo più tecnologici. Una studentessa di Verona dopo una settimana di “manca” ha deciso di “correggere” il registro facendo sparire l’assenza.
Niente di trascendentale, la ragazza ha solo spiato la prof mentre digitava la password dell’istituto e poi ha manipolato i suoi dati e quelli di una sua amica.
Scoperta, è stata condannata a “lavori socialmente utili”, e cioè aiuterà a pulire aule e laboratori fuori orario scolastico.
Ora et labora pare funzioni ancora.

(...) Continua a leggere CACAO di oggi