People For Planet!

People For Planet

Il 29 gennaio 2018 lanceremo sul web “People For Planet”, IL nuovo portale web di informazione su ecologia, ambiente, salute, benessere e solidarietà.
Ci sono giornali che ti dicono che cosa è successo ieri.
People For Planet ti racconta cosa succederà domani!
Online dal 29 gennaio 2018, intanto potete seguire la nostra campagna social su:
https://twitter.com/PeopleXPlanet
https://www.facebook.com/peoplexplanet
https://www.instagram.com/people_for_planet/

Anche io sono People For Planet! Guarda tutti i video su Facebook!

 

Oriana Fallaci ha ragione? L'islam può conquistarci?

Oriana Fallaci era una famosa giornalista toscana.
Sconvolta dall’attacco alle Twin Tower dell’11 settembre 2001 ha dedicato gli ultimi anni della sua vita scrivendo vari articoli e libri dove attaccava ferocemente l’Islam e così scatenando un acceso dibattito. Famosa fu la risposta di Tiziano Terzani al suo libro La rabbia e l’orgoglio.
Jacopo Fo all’epoca scrisse un istant book cercando di capire le motivazioni della “rabbia” di Oriana Fallaci e raccontando il suo punto di vista.
Ve lo riportiamo qui oggi e nelle prossime settimane perché è ancora di strettissima attualità.
Buona lettura

Oriana Fallaci ha ragione? L'islam può conquistarci?
di Jacopo Fo

Oriana Fallaci ha ragione?
L'islam può conquistarci?
Si può fermare il terrorismo?
Possiamo esportare la democrazia?

Gli ultimi libri della Fallaci hanno venduto molto e hanno diffuso paura. Gli intellettuali di sinistra li hanno liquidati come l'ennesima opera razzista e guerrafondaia della giornalista. Si è cercato di demolire il lavoro della Fallaci con quattro frasi fatte senza capire perché centinaia di migliaia di persone leggono i suoi libri e le diano ragione.
Ho letto il libro La rabbia e l'orgoglio e mi sono accorto che questa scrittrice ha una qualità che non trovo in moti giornalisti omologati presso gli uffici reclutamento della sinistra: è viva. È incazzata, è emozionata, è combattiva. Tutte qualità che cozzano con l'autoreplicarsi del pensiero unico. Lei non sta con Matrix, sta con i ribelli. Poi dice anche cose che non condivido assolutamente ma le afferma in un'ondata di vita, urlando contro tutti (destra, sinistra, intellettuali e popolo).

Detto questo vorrei iniziare ad analizzare le tesi della signora Fallaci.
Innanzi tutto devo dire che condivido con lei molte cose, e capisco perché persone oneste e intelligenti concordino con quello che lei dice. Questo non vuol dire che condivida tutto. Ma quando leggo un libro non voglio che abbia le mie idee, voglio che contenga delle idee.
Tanto per iniziare la Fallaci dice una cosa di importanza assoluta per i destini dell'umanità: dice che viviamo un momento di crisi spaventosa dell'Occidente che tutti fanno finta di non vedere. Quello che sostiene la giornalista è che a furia di patteggiamenti e inciuci, la classe politica e l'autorità religiosa hanno annacquato la nostra morale, hanno lasciato che la nostra società fosse corrotta a livelli che quasi eguagliano quelli dei tempi del crollo dell'Impero Romano, almeno per quanto concerne l'alienazione dal senso della vita.
Un altro punto delle tesi della Fallaci che condivido riguarda l'origine della corruzione politica e morale. Questo obbrobrio nasce da una cultura della violenza e della prevaricazione. Da sempre destra e sinistra si sono alleate quando c'era da mazziare i ribelli, i non conformisti, quelli che volevano cercare altre vie. Nel nostro sistema puoi essere di sinistra, di destra, apolitico ma non puoi cercare altre strade, uscire dalla dicotomia destra-sinistra.
E, attenzione, destra e sinistra, da sempre hanno usato mezzi simili: massacrava Stalin, massacrava Hitler.
Ognuno ha sempre visto i peccati degli avversari e ha sempre nascosto le porcherie che facevano i suoi alleati. La destra difendeva i torturatori greci e spagnoli o argentini, la sinistra difendeva i torturatori russi, cinesi o cubani.
Disonestà culturale. Questo è il primo nemico della Fallaci. E le va dato atto che ha avuto il coraggio di dirlo, di chiamarsi fuori dal grande sistema delle due parrocchie.
Oriana Fallaci racconta di essere stata "linciata moralmente" da entrambi gli schieramenti. Non ho difficoltà a crederle. Che cosa orribile. Si insulta una donna per le sue idee. E sappiamo benissimo di che razza di volgarità sono capaci tanti "compagni".
Mi ricordo quando sul giornale Cuore, settimanale di resistenza umana, al primo posto tra i sogni del popolo della sinistra, si classificò "violentare Irene Pivetti" e la cosa sembrava spiritosa. Un po' di persone, tra cui il sottoscritto, si incazzarono e fecero notare che l'ideologia della punizione sessuale di una donna per le sue idee non era una cosa molto civile e progressista. Tolsero la Pivetti dalla classifica. Ma non tolsero certo il fascismo dalle loro teste. È gente che ama il linguaggio violento, l'insulto...
Persone che non amano capire e discutere.
La Fallaci è stata attaccata in modo ingiurioso e becero, in modo incivile. Quindi, la prima cosa che mi sento di fare è di prendere le sue difese.
Secondariamente noto che il primo motivo per cui è stata massacrata è che se la prende con il potere, con la logica ottusa dei potenti. Ora è chiaro che questa gente "di potere" sta portando il mondo alla rovina e che se le persone di buona volontà non fanno nulla per fermarli ci troveremo veramente molto male in un futuro estremamente prossimo.
Il secondo bersaglio della Fallaci, dopo l'ottusità dei potenti, è l'islamizzazione del mondo. E anche su questo punto sono d'accordo: non voglio l'islamizzazione del mondo.
Vivere in uno stato teocratico non è tra i miei obiettivi esistenziali. Non mi interessa se la teocrazia poi sia cattolica, buddista o islamica.
Ha ragione la Fallaci quando resta inorridita da un certo atteggiamento di sostegno a gruppi musulmani da parte della sinistra. Non capisco proprio come si sia potuto difendere Arafat, notoriamente violento, a capo di un regime corrotto e autoritario che non rispetta i diritti umani di nessuno e che fa di tutto per mantenere in vita tradizioni millenarie di segregazione delle donne, eccetera. Con questo non voglio dar ragione a Israele che sta conducendo una politica muscolare e violenta contro il popolo palestinese, incapace di riconoscere i torti che questi hanno subito e di riconoscerne i diritti.
Ma dovrebbe essere chiaro a tutti che se un popolo vuole liberarsi dal giogo di un dominatore deve per prima cosa liberare le proprie donne. Proprio la resistenza di molti atteggiamenti maschilisti è un'enorme palla al piede del popolo palestinese. Il non voler liberare le energie culturali e lavorative delle donne contribuisce all'incapacità di creare uno sviluppo economico e culturale abbastanza forte da divenire uno strumento di liberazione nazionale. Io credo, come la Fallaci, che sia stato orribile tollerare tanto a lungo (in Italia!) che alcune etnie musulmane potessero amputare la clitoride alle figlie femmine senza incappare in nessuna punizione e, per giunta, potendo disporre di medici della Asl che, gratuitamente, compivano questo abominio. E dobbiamo ringraziare Berlusconi se ha trasformato l’amputazione della clitoride in un reato e ha così vietato che le Asl infliggano a nostre spese questa mostruosità. La sinistra ha per anni promesso che sarebbe intervenuta contro questo orrore ma non lo ha mai fato. Berlusconi lo ha fatto. Il che non vuol dire che io sia un seguace di Berlusconi. Sono stato uno dei pochi scrittori italiani che ha scelto di abbandonare la Mondadori per non aver a che fare con i berluscones. Ed è stata una scelta pagata a caro prezzo. Quando fai un dispetto a uno come Berlusconi scopri quanto può essere potente l’ostracismo da tv, giornali, librerie e teatri, inflitto a chi rifiuta l’inciucio. Ho visto crollare in poche settimane gli inviti televisivi, gli ingaggi per gli spettacoli, le segnalazioni dei giornali, le vendite in libreria. Quindi ho cocenti motivi anche pecuniari per trovare Silvio profondamente antipatico. Ma questo non può convincermi a non dire che ha compiuto un gesto di civiltà mettendo fuori legge la clitoridectomia L’inciviltà e la tracotanza degli avversari politici non possono essere giustificazione per l’abbandono dell’etica civile. Ed è etico congratularsi con gli avversari quando compiono azioni giuste. Sennò decidiamo che la politica è una sottospecie della tifoseria da stadio e che l’arbitro è sempre cornuto se fischia un rigore alla tua squadra.
E trovo assurdo che l'Italia non sia riuscita per anni ad arrestare o espellere definitivamente migliaia di extracomunitari che si erano macchiati di crimini nel nostro Paese. Trovo assurda la pretesa di alcune associazioni islamiche di dover rispettare in Europa non le leggi europee ma i costumi islamici.
Come laico, come libertario, come pacifista aborro alcuni precetti islamici che riguardano la possibilità di picchiare la moglie, di ripudiarla, di tenerla soggiogata. Aborro la guerra santa e la conversione degli infedeli. Aborro i regimi dittatoriali che dominano quasi tutti i popoli dell'Islam. Aborro la brutalità delle pene fisiche inflitte per legge, e l'uso generalizzato della tortura, la tolleranza verso lo stupro e ogni forma di violenza sulle donne...
Fino a qui tutto quello che dice la Fallaci è Vangelo per me. E il fatto che così poche persone abbiano avuto il coraggio e la forza di far sentire queste opinioni credo che spieghi (in parte) la sua rabbia e il suo successo.

Il pericolo islamico è la più grande minaccia?
Chiariti i punti sui quali sono d'accordo con Oriana Fallaci vorrei cercare di capire qual è il centro del suo modo di vedere il mondo e quindi del suo messaggio.
Non è complicato perché lo dice chiaramente: l'Occidente è minacciato da una subdola invasione islamica basata sul numero incredibile di figli che questi esagerati sfornano. L'arma islamica per eccellenza è quella demografica. Attraverso questa vogliono arrivare a creare l'Eurislam, colonizzarci, imporci la loro legge e il velo obbligatorio, anche alle svedesi. Perché, dice Oriana, l'Islam tende a imporre le sue leggi, nel momento in cui diventa egemone non tollera ragazze con l'ombelico scoperto, non tollera critica, non tollera diversità. Non è democratico. Noi tolleriamo che loro girino con il fazzoletto in testa... Prova ad andare a Teheran in minigonna... L'Islam non tollera comportamenti diversi nei non islamici, li considerano comunque crimini anche se non lo sono per chi li compie.
E in effetti non è equo che un islamico voglia venire qui e vestirsi col velo e quando io vado a casa sua non posso mettermi la minigonna perché sennò si offende... Non è un atteggiamento di parità reciproca...
La Fallaci cita addirittura dichiarazioni di intellettuali islamici che teorizzano questa colonizzazione... Oriana sostiene che il pericolo islamico e la disgregazione etica dell'Occidente possano portarci alla completa rovina economica e all'annientamento dei grandi valori di libertà e democrazia faticosamente conseguiti dopo secoli di sofferenze e traversie.
Lei vede l'Occidente come una sorta di Impero Romano all'inizio del suo crollo. Si è esaurita la spinta propulsiva, culturale e spirituale, che ci ha fatti primeggiare nel mondo e ora stiamo cedendo il passo alle orde barbariche. E conclude il suo discorso scrivendo che solo uno scatto di dignità e volontà può salvare la nostra società.
Sono d'accordo che l'Occidente sia in gravissimo pericolo e che questo sia dovuto al crollo etico...
Non sono invece d'accordo quando dice che il primo pericolo per l'Occidente è l'Islam. Sinceramente credo che anche se esistesse una possibilità di colonizzazione culturale ed economica, quella islamica avrebbe bisogno di una ventina d'anni per acquisire una forza tale da incidere profondamente sulla nostra cultura e sulle nostre istituzioni democratiche.
Trovo miope mettere la minaccia islamica al primo posto: corriamo rischi ben più gravi e immediati.
Se entro venti anni l'Occidente non troverà una dimensione culturale diversa saremo colpiti in modo drammatico da criminalità, inquinamento, malattie mentali, droghe legali e illegali, disastri climatici, guerre e terrorismo. Un tale disastro che l'Occidente opulento sarà solo un ricordo. Se non sapremo cambiare la musica tra 20 anni non ci sarà nessuna Europa da conquistare... 
Nè peraltro esisterà un Islam che possa conquistare qualche cosa...
Negli ultimi 15 anni abbiamo assistito a una serie di disastri finanziari in un crescendo esponenziale.
Molte persone non si rendono conto del fatto che grazie alla crisi tutti siamo stati derubati dalla più grande rapina della storia: le banche di tutto il mondo si sono coalizzate con una casta di politici infami, i grandi media, e schiere di influenti economisti e analisti sono riuscite a realizzare qualche cosa che è talmente grande che stentiamo a farcene un’idea.
Reagan fu eletto negli anni ’80 con i soldi dei banchieri e iniziò un’opera di smantellamento dei sistemi di controllo sui prestiti bancari. Erano leggi varate dopo la crisi del 1929 per evitare nuovi disastri. I Bush e Clinton hanno continuato la sua opera. L’esempio Usa è stato seguito dalla maggioranza degli stati industrializzati. In Italia, grazie a Silvio, siamo arrivati a depenalizzare il reato di falso in bilancio. Immagina come ci hanno sguazzato le banche! Aggiungi che da noi la manipolazione del mercato finanziario (insider trading) è un reato tipo divieto di sosta e fatti un quadro di quel che è successo…
Il risultato di questa deregolamentazione selvaggia e bastarda è stato il fatto che le banche hanno prestato sempre più denaro agli amici degli amici e hanno alimentato bolle speculative prestando denaro anche a persone che non avevano possibilità di restituirlo. E anche su questi prestiti facili hanno lucrato girando il rischio su risparmiatori ignari.
Sarebbe interessante riuscire a fare la somma di tutto il denaro che è stato rubato scientemente. Dovremmo sommare una serie infinita di fallimenti astuti, dalla Enron alla Parmalat, e aggiungere i miliardi che la maggioranza degli Stati ha dovuto sborsare per evitare che il crollo di tutte le banche facesse saltare il sistema economico mondiale riportandoci al medioevo.
Parliamo di parecchie MIGLIAIA DI MILIARDI!!!
Questa grande rapina ha impoverito violentemente il mondo.
In Italia i lavoratori hanno visto allontanarsi paurosamente l’età per andare in pensione, migliaia di aziende sane sono fallite perché le banche non hanno rinnovato i prestiti perché i soldi se li erano ciucciati tutti. Aziende solvibili si sono trovate a fallire perché le banche da un giorno all’altro hanno chiesto la restituzione di fidi o perché si sono rifiutate di finanziare operazioni di cassa elementari e con rischi minimi. Quante persone hanno perso il lavoro grazie a questa macelleria finanziaria?
E che dire del fatto che in Italia e in Grecia, è addirittura diminuita l’aspettativa di vita?
Ma anche l’aumento della povertà, la rinuncia a cure mediche, l’abbandono scolastico sono eventi connessi al fatto che se la lobby dei prestiti facili inizia a rubare sistematicamente i soldi, poi l’economia delle famiglie soffre.
Questa semplice osservazione dovrebbe provocare un piccolo dubbio tra i sostenitori della signora Fallaci.
La crisi finanziaria scoppiata nel 2007 non ha nessun rapporto con l’Islam. Non c’entra nulla di nulla con la shaaria, con il velo e con i musulmani che fanno troppi figli. E per inciso proprio a causa della crisi economica abbiamo visto diminuire sensibilmente il numero di figli in Europa… Quindi, per favore, non diciamo che è l’Islam il nostro primo nemico.
È assolutamente urgente e inderogabile una riforma dell’economia mondiale che renda impossibile alle lobby criminali di fregare i soldi della gente e degli Stati.
Allo stato attuale poco è stato fatto. Ma una cosa importante la si è realizzata e mi dà speranza: si è dato un colpo mortale al segreto bancario internazionale. Ancora oggi questa battaglia contro i paradisi fiscali non si è conclusa. Ne sopravvivono ancora 34, erano 102. Oggi per i ladri finanziari, per la criminalità e per il terrorismo è più difficile, molto più difficile, nascondere i soldi.
Potrebbe essere sufficiente questo per declassare al secondo posto il pericolo islamico. Ma anche il secondo posto è occupato da fenomeno ben più grave che miete decine di migliaia di morti ogni anno.
Ormai da tempo perfino gli studi del Pentagono hanno certificato che se entro dieci anni non cambia radicalmente il nostro modello economico avverrà il disastro. L'inquinamento oltrepasserà la soglia del non ritorno e la catastrofe ecologica non sarà più un'eventualità, sarà un fatto certificato da milioni di morti. Solo in Italia l’inquinamento urbano fa almeno 60mila morti all’anno. E cito le statistiche più prudenti. I morti da inquinamento urbano sono in tutto il mondo più di 3 milioni. E questi dati non provengono dagli studi di quegli estremisti verdi del Wwf ma dall’organizzazione Mondiale della Sanità.
Basterebbe questa osservazione, che nessuno confuta più ormai, a farci capire che l'Islam, anche se fosse un vero pericolo non sarebbe neppure al secondo posto. Abbiamo un problema da affrontare immediatamente. Stiamo precipitando dentro un aereo in fiamme. La questione se poi domani il vicino di casa cercherà di rubarci le finestre è, momentaneamente, secondaria. Prima devo trovare il modo di non morire subito: l'aereo in fiamme non aspetta. Continua a precipitare con la caparbietà di un ferro da stiro.
Una persona attenta alle cose del mondo potrebbe poi rendersi conto che non solo il sistema ecologico è al collasso, ma pure il sistema dei valori (e la Fallaci lo scrive).
Quando la quantità di psicofarmaci consumati dalla popolazione occidentale aumenta del 500% in pochi anni, forse bisogna chiedersi se non ci sia qualche grave problema. In Occidente la metà della popolazione soffre di disturbi psichici, stati ansiosi e depressivi, schizofrenia, crisi di panico... L’Occidente patisce una spaventosa, mortale crisi di amore per la vita, le scuole non riescono a insegnare la passione, le strutture sanitarie e sociali non riescono a curare i malati di mente e i depressi.
Questa situazione è causa di fallimenti matrimoniali ed economici, suicidi, malattie, incapacità di lavorare e una quantità spaventosa di dolore che alimenta il pessimismo.
Abbiamo di fronte la necessità impellente di una grande rivoluzione culturale.
Ma sono in pochi a vedere l’urgenza di questa questione. Pochi si rendono conto che è assurdo che gli insegnanti siano così mal pagati! Educare i nostri figli è un compito centrale, prioritario per il benessere delle famiglie e la floridità della nazione. Come possiamo ottenere la migliore educazione possibile per i nostri figli e contemporaneamente pagare gli insegnanti una miseria? Ma i sindacati degli insegnanti dovrebbero chiedere oltre a stipendi più dignitosi anche il cambiamento dei regolamenti che disciplinano il rapporto tra insegnanti e Stato.
Come è possibile che mi sia trovato di fronte uno che era un pedofilo conclamato, con 5 denunce a carico, un’altra era una cocainomane che iniziava i discorsi da metà perché l’altra metà se l’era già detta in testa mentre arrivava a scuola.. Giuro! Ai colloqui non si capiva proprio cosa volesse dire. Un altro era un alcolizzato. E poi abbiamo avuto un genio di insegnante di inglese che oltre a non sapere l’inglese dava insufficiente a mia figlia perché pronunciava correttamente le parole. Parliamo di una piccola percentuale di insegnanti. Le mie figlie nel loro percorso scolastico hanno avuto almeno 30 insegnanti, per la maggioranza persone splendide, preparate e professionali, dotate di grande umanità. Alcuni professori erano addirittura eccezionali e sono riusciti veramente a trasmettere passione e cultura.
Che su 30 insegnanti ci siano 4 teste di cavolo non vuol dire che il corpo insegnante non meriti. Vuol dire che loro per primi devono battersi per buttar fuori questi cialtroni e questi malati psichici che non dovrebbero avere nessun contatto con i nostri figli. Invece la classe insegnante non mette questo tra i propri obiettivi principali.
Io e altri genitori abbiamo cercato di ottenere l’allontanamento di questi poveretti dall’insegnamento ma non c’è stato niente da fare. Di fronte alla critica che l’insegnante di inglese non sapeva l’inglese, la preside mi ha risposto che non ci poteva fare niente. Ma come? Ma questo ha preso un’abilitazione truccando le carte! Deve rifare l’esame, cazzo!
Probabilmente le mie figlie non sono state fortunatissime e e altri studenti incontrano meno insegnanti bacati. Ma comunque è una possibilità che non dovrebbe esistere e quando si verifica dovrebbero esserci strumenti certi e rapidi per far fuori chi non è all’altezza di insegnare.
Questo è solo un esempio di quel che dovremmo fare e non viene fatto per fare crescere la nostra cultura e per diffondere la passione per il lavoro, l’arte, la solidarietà.
Un lavoro immenso, urgentissimo, vitale. Persino insigni economisti sono arrivati a capire che la cultura, intesa come acquisizione di senso della vita, è fondamentale anche dal punto di vista economico ed è centrale anche nella lotta contro il crimine e la corruzione.

Cacao va in ferie

Carissimi, Cacao va in ferie. Ci ritroveremo qui più energici e smaglianti che prima, l’8 gennaio 2018.
Vi auguriamo di passare questi giorni facendo quello che più vi piace e vi interessa.
Grazie per seguirci sempre con molto affetto che ricambiamo tantissimo.
Un abbraccio e buone feste a tutti!
Simone, Maria Cristina, Gabriella, Armando, Angela, Manuela.

(..) Continua a leggere CACAO di oggi.

Anche i dinosauri si grattavano

Alcuni ricercatori hanno scoperto nei pezzi di burmite (l’ambra della Birmania) alcuni fossili di zecche risalenti a 99 milioni di anni fa. La maggior parte degli animali selvatici era piena di parassiti e sembrerebbe che la nicchia ecologica dei succhiatori di sangue sia stata occupata molto presto nell'evoluzione dei vertebrati terrestri, dice Jingmai O'Connor, professoressa presso l'istituto di Paleontologia e Paleoantropologia dei vertebrati di Pechino.
Insomma, Manny si grattava parecchio.
(Fonte: Nationalgeographic)

(..) Continua a leggere CACAO di oggi

Apertura definitiva di MuseoArchivioLaboratorio MusALab Franca Rame Dario Fo

COMUNICATO STAMPA

Apertura definitiva di MuseoArchivioLaboratorio MusALab Franca Rame Dario Fo

Siamo felici di poter annunciare che tra gennaio e febbraio 2018 verrà riaperto al pubblico il Museo Archivio Laboratorio MusALab Franca Rame Dario Fo, custodito dal 2016 presso l’Archivio di Stato di Verona, per essere condiviso attraverso le numerose attività culturali, formative, interdisciplinari che stiamo organizzando, con scuole, università, accademia, associazioni, appassionati in genere.

Per l’occasione la Compagnia Teatrale Fo Rame (C.T.F.R.), insieme all'Archivio di Stato di Verona e al MIBACT, sta preparando un evento con la partecipazione di giovani allievi e artisti per raccontare LA NECESSITÀ DELL’ARTE OGGI, in omaggio alla coppia Fo Rame e per ricordare i 20 anni dal conferimento Nobel per la Letteratura a Dario Fo (1997-2017).

Le buone notizie per l’anno nuovo non sono finite: gli spazi di Archivio MusALab Franca Rame Dario Fo saranno ampliati con la sede aggiuntiva di palazzo di Corte Dogana, ex Dogana delle merci di terra.
 In Corte Dogana, appena terminati i lavori di restauro, la Compagnia Teatrale Fo Rame con MusALab allestirà uno spazio più prettamente performativo che possa vivere di mostra e laboratori di arti, mestieri e memoria, tra arte e spettacolo, dove la memoria, nella lezione di Dario Fo e Franca Rame, vive nel presente, interroga il passato per immaginare il futuro. 

Il 10 dicembre 1997 è stato consegnato il premio Nobel per la Letteratura a Dario Fo “che nella tradizione dei giullari medievali fustiga il potere e riabilita la dignità degli umiliati”.

Dario Fo a Verona il 23 marzo 2016 ha inaugurato il Museo Archivio Laboratorio MusALab Franca Rame Dario Fo presso l’Archivio di Stato di Verona con il Ministro Dario Franceschini, insieme alla grande partecipazione cittadina e di chi era lì giunto da ogni dove.
Dal giorno dell’inaugurazione dell’Archivio MusALab la Compagnia Teatrale Fo Rame ha organizzato incontri di studio e laboratori creativi cercando di seguire l’insegnamento dei maestri Dario Fo e Franca Rame che ci raccomandavano di offrire “l’arte in pasto ai giovani”. Con la riapertura degli spazi presso l’Archivio di Stato, la consegna della sede aggiuntiva a palazzo di Corte Dogana e la progettazione delle attività per il 2018, è proprio in questa direzione il nostro impegno oggi.
Noi crediamo che lo sviluppo possibile di conoscenza, il coinvolgimento delle nuove generazioni, oggi risieda nell’incontro tra arte e vita quotidiana. La capacità di immaginare il futuro si gioca nel confronto con i linguaggi dell’arte.

Per maggiori informazioni:
archivioctfr@francarame.it
www.archivio.francarame.it
 

 

Categorie: 

Un albero di Natale dalle cozze

Le reste sono retini di plastica di vari colori e vengono utilizzate negli allevamenti di cozze. Capita di trovarli anche sulle spiagge. Ebbene, a Capojale, Foggia, un gruppo di volontari ne ha raccolte oltre 6000 e ci hanno fatto l’albero di Natale di Cagnano Varano.  E’ alto più di 8 metri ed è stato montato all’ingresso del paese vicino alla sede del Comune.
E’ bellissimo.

(..) Continua a leggere CACAO di oggi