Altre notizie dai nostri siti

Vestirsi di arance

People For Planet - 4 ore 31 min fa
flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_110"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/110/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/110/output/Orange-fiber.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/110/Orange-fiber.mp4' } ] } })

Video di Anna Giamporcaro

The post Vestirsi di arance appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

Buona Festa della Rimozione

People For Planet - 5 ore 7 min fa

Quando il 12 settembre 2017 la Camera dei Deputati approvò la proposta di legge del deputato PD Emanuele Fiano di rendere reato l’apologia e la propaganda del fascismo tramite simboli, fummo in molti a essere grati a Fiano, me compresa. Oggi, personalmente, un po’meno. Perché aiuta i fascisti a nascondersi.

Il 12 settembre 2017 era un martedì. A opporsi alla proposta di introdurre un nuovo articolo nel codice penale, l’articolo 293-bis, per punire «chiunque propaganda le immagini o i contenuti propri del partito fascista o del partito nazionalsocialista tedesco» furono Lega Nord (per ovvi motivi), Forza Italia (per altrettanto ovvi motivi) e Movimento 5 Stelle (per motivi tutt’ora poco chiari).
Lo stesso giorno Alessandro Di Battista scrisse sul suo profilo Facebook:

«Dopo 42 giorni di ferie oggi la Camera dei deputati si è riunita e al primo punto dell’ordine del giorno ha inserito una legge che potrebbe mandare in galera chi fa il saluto romano o mettere fuori legge la scritta “Mussolini dux” dell’obelisco del Foro Italico. Il Movimento Cinque Stelle ha votato contro a questa ennesima pagliacciata! Ora ci daranno dei fascisti, fanno sempre così, ma meglio subire attacchi puerili che avallare un sistema che si occupa di tutto tranne che delle reali esigenze dei cittadini. Anche oggi, non cadendo nelle trappole ridicole del Partito Democratico, vado a casa con la coscienza a posto. E ai falsi, ipocriti “comunisti” (vera sciagura italiana) dico che un comunista vero oggi penserebbe alla sanità, alle persone senza reddito, e vorrebbe buttare giù il capitalismo finanziario, non l’obelisco del Foro Italico. Se non sbaglio fu Ennio Flaiano a dire che “in Italia i fascisti si dividono in due categorie: i fascisti e gli antifascisti”».

Il patrimonio artistico italiano, compreso quello di epoca fascista, non era minimamente messo in discussione dalla proposta di legge, tuttavia si accesero non poche polemiche che questionavano cosa sia l’arte e cosa no, quale arte fascista salvare e quale no, come la sterile proposta avanzata da qualcuno di abbattere i monumenti e l’architettura fascista. Tuttavia è chiaro a tutti che molta produzione di estetica fascista – ma sarebbe più corretto parlare di estetica razionalista – gode di una caratura artistica enorme, e che il non accettarlo equivale ad abbaiare alla luna scambiandola per bistecca. Pensiamo a una città come Milano senza Sironi, né Balla, né la Stazione Centrale. Pensiamo a Riccardo Gualino, l’unico imprenditore industriale mandato al confino (formalmente perché colpevole di bancarotta fraudolenta, sostanzialmente perché colpevole di antifascismo) che fece progettare i suoi uffici in stile razionalista – o fascista, che dir si voglia.

Dunque, appurato che l’obelisco del Foro Italico deve stare dove sta, che l’arte e l’architettura non c’entrano nulla con la proposta di Fiano, e che gli aforismi di Flaiano meriterebbero una cornice migliore, rimane il fatto che l’articolo 293-bis, più che fare un torto ai fascisti, li aiuta: a nascondersi. A confondersi, a dissimularsi, a sembrare persino poi non così tanto fascisti.

La chiamiamo Festa della Liberazione alludendo a un fatto storico e concluso nel tempo, ma la verità è che dovremmo chiamarla Festa della Rimozione. Perché di tutto ci siamo liberati, meno che del fascismo delle piccole cose e del timore di conviverci. Rimuovere il fascismo dagli oggetti e dalle estetiche non serve a nulla, perché gli atteggiamenti fascisti esistono anche senza simboli fascisti e saluti romani.
È fascista, oltre che stupido, credere che basti una rimozione a sistemare tutto. Non si può, né si deve cancellare tutto, anzi, è bene discernere, riconoscere, anche con l’ausilio di oggetti e segnali, ogni fascista per strada, ogni atteggiamento fascista, ogni tentativo di imposizione, compresi quelli contenuti in questo articolo. Se volano schiaffi, pazienza.

The post Buona Festa della Rimozione appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

Il catamarano che ripulirà gli oceani (video)

Le Buone Notizie di Cacao - Mar, 04/24/2018 - 11:21

Le Manta, l’imbarcazione che raccoglie e separa la plastica dalla materia organica (...)
Continua su People For Planet

Allergie primaverili: cause e rimedi naturali

Le Buone Notizie di Cacao - Mar, 04/24/2018 - 11:19

Prurito continuo al naso, occhi arrossati e perenne sensazione di soffocamento? Ben tornata allergia! La stagione primaverile, contraddistinta dai suoi profumi e colori, per i meno fortunati è l’inizio di fastidiose giornate accompagnate da starnuti a causa dei pollini liberati dalle piante durante il periodo di fioritura.
Continua su People For Planet

Gorilla dispettoso

Le Buone Notizie di Cacao - Mar, 04/24/2018 - 11:18

Tropical Air, Gabon, un’imbarcazione di turisti si avvicina alla riva del fiume per osservare meglio un gorilla. Il primate, indispettito, solleva un paio di manate d’acqua bagnando i turisti e se ne va.
E che carattere!
(Fonte: Repubblica)

Storie di ladri (buoni)

Le Buone Notizie di Cacao - Mar, 04/24/2018 - 11:17

Buona notizia per Walter Puddu, cagliaritano, disabile, pluricampione di atletica della Saspo, a cui il 12 aprile alcuni ladri hanno rubato la carrozzina da corsa prelevandola dall’auto parcheggiata. Il mezzo è stato restituito!
“Non ci crederete mai! Anche i ladri hanno coscienza!” ha scritto Walter sul suo profilo Facebook.

In Svezia la prima strada elettrificata che ricarica le auto

Le Buone Notizie di Cacao - Mar, 04/24/2018 - 11:16

In Svezia due chilometri di una strada nella periferia di Stoccolma sono stati attrezzati con una rotaia elettrificata a centro careggiata che permette di ricaricare i veicoli elettrici che transitano. I mezzi devono essere dotati, sul fondo, di un apposito braccetto che permette all’elettricità di passare dalla strada all’auto (esistono anche sistemi wireless ma non è il caso svedese).
Un algoritmo appositamente sviluppato si occupa poi di calcolare l'energia assorbita e addebitare i costi relativi direttamente al proprietario del veicolo.
«Elettrificare i 20.000 km di autostrade svedesi è certamente abbastanza» ha spiegato l'amministratore delegato di eRoadArlanda, l'azienda che si è occupata di realizzare l'infrastruttura, Hans Säll. «La distanza tra due autostrade non è mai superiore a 45 km, e le auto elettriche sono già in grado di affrontare una tale distanza senza dover essere ricaricate. Alcuni ritengono addirittura che sia sufficiente elettrificare 5.000 km».
(Fonte: ZeusNews)

La carne sintetica sfamerà il mondo?

People For Planet - Mar, 04/24/2018 - 04:58

Sul sito di Memphis Meats la start up statunitense con sede a San Francisco che per prima è arrivata a produrre la carne “sintetica” si legge: “Amiamo la carne. Tuttavia, il modo in cui la carne convenzionale viene prodotta oggi crea sfide per l’ambiente, il benessere degli animali e la salute umana. Considerando che i consumatori globali spendono quasi mille miliardi di dollari l’anno per la carne e la domanda di carne dovrebbe raddoppiare nei prossimi decenni, una cosa è chiara: abbiamo bisogno di un modo migliore per sfamare un mondo affamato… Il nostro obiettivo è semplice: cambiare il modo in cui la carne arriva al piatto. Stiamo sviluppando un modo per produrre carne reale da cellule animali, senza la necessità di nutrire, allevare e macellare animali reali. Ci aspettiamo che i nostri prodotti siano migliori per l’ambiente (richiedendo fino al 90% in meno di emissioni di gas serra, terra e acqua rispetto alla carne prodotta in modo convenzionale), agli animali e alla salute pubblica. E, soprattutto, siano deliziosi.”

Ecco, su quest’ultimo punto c’è ancora del lavoro da fare. Al primo assaggio la carne sintetica non si può definire proprio “deliziosa” anche se non è male, manca il gusto del grasso e del sangue, dicono coloro che l’hanno assaggiata.

E questa mancanza è spiegata dal metodo con cui questa carne viene prodotta: in pratica vengono prelevate cellule di tessuto dai vari animali, per adesso anatre e galline.
Queste cellule vengono poi “coltivate” con l’aggiunta di siero fetale bovino su impalcature fino a formare dei filamenti di tessuto che possono formare polpette, hotdog e hamburger.

Insomma, non parliamo ancora di una bistecca o di una coscia di pollo in quanto per formare il muscolo servono vasi sanguigni e sostanze nutritive. Gli scienziati stanno studiando una soluzione.
Inoltre bisogna risolvere il problema del costo, per ora 450 grammi di carne costano al produttore 2.300 euro ma anche in questo caso serve tempo per abbattere i costi di produzione e arrivare a un obiettivo di costo che si aggiri sugli 8 euro ad hamburger.

Memphis Meats ha raccolto 17 milioni di dollari per completare lo sviluppo della carne sintetica entro il 2021. Tra i finanziatori nomi illustri come Bill Gates, Google ecc.

Buon lavoro!

The post La carne sintetica sfamerà il mondo? appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

Allergie primaverili: cause e rimedi naturali

People For Planet - Mar, 04/24/2018 - 04:27

L’allergia è un problema da non sottovalutare e che sembra essere in continua crescita, con il numero di persone colpite che aumenta di anno in anno. “I numeri parlano chiaro: nel 2025 quasi il 50% della popolazione europea soffrirà di una qualche allergia, mentre nel nostro Paese circa il 40% della popolazione dichiara già di soffrire di disturbi di questo tiporiporta AssosaluteAssociazione Nazionale farmaci di automedicazione – che fa parte di Federchimica.

A fronte di questi numeri la spiegazione (e previsione) futura non è troppo rassicurante: il cambiamento climatico e le alte temperature aumentano i livelli dei pollini.  A seguito di uno studio condotto dal team del professor Giorgio Walter Canonica, presidente SIAAIC Società Italiana Allergologia Asma Immunologia Clinica – e Direttore della clinica malattie respiratorie e allergologia dell’Università di Genova, è stato dimostrato che in 27 anni le giornate all’anno in cui la parietaria (pianta della famiglia dell’ortica) diffonde i suoi pollini è aumentato di 85 giorni. «Una maggior esposizione significa un peggioramento dei sintomi e un aumentato rischio di sensibilizzazione» – spiega Canonica. A ciò si aggiunga l’inquinamento outdoor e indoor che aumenta l’infiammazione delle mucose, indebolendole. Complice, oltre alla predisposizione genetica soggettiva, è anche il nostro stile di vita: “E’ lo scotto che dobbiamo pagare per aver introdotto norme e comportamenti che da una parte ci preservano da infezioni e malattie, ma dall’altra ci rendono più sensibili”, continua l’esperto. Trascorriamo molto più tempo al chiuso, in ambienti spesso poco areati e questi fattori aumentano la concentrazione di allergeni. “I bambini giocano molto poco all’aperto e quindi sono meno esposti alle sollecitazioni durante l’età dello sviluppo, e quindi sono più esposti allo sviluppo di allergie” – spiega ancora l’allergologo.

Quali sono i rimedi naturali contro le allergie?

Se si vuole provare una strada alternativa ai medicinali ci sono molti rimedi naturali che possono venire in soccorso. Premessa: dobbiamo conoscere con certezza l’elemento scatenante della nostra allergia e agire anche sulla prevenzione rendendo meno acuta la manifestazione della nostra allergia.

Quali cibi mi aiutano a combattere l’allergia? Ricordiamo che gli antistaminici naturali non servono per curare le allergie, ma possono aiutare il corpo a moderare la sua reazione allergica.

Quali alimenti da evitare? Vino, birra e bevande fermentate; formaggi stagionati, insaccati e cibi in scatola; tonno, sgombro, salmone, molluschi, crostacei, e frutti di mare in generale; pomodori, banana, fragole, fave e la frutta con il guscio (noci, nocciole e mandorle); cioccolato, cacao e caffè, che contengono infatti un tasso elevato di istamina.

A differenza alimenti come come camomilla, tè verde e carote inibiscono il rilascio di istamina e possono quindi essere considerati antistaminici naturali. Tra i più comuni ricordiamo anche:

  • Aglio (allium sativum): ottimo rimedio per tenere sotto controllo gli allergeni e alcune cariche batteriche, ma sul quale bisogna fare attenzione. Le sue caratteristiche lo rendono utile per il controllo del livello di glicemia nel sangue, per cui il suo impiego dev’essere moderato in caso di soggetti diabetici o ipoglicemici.
  • Té verde: La quercetina, il pigmento che conferisce all’ uva nera e al tè verde il colore, blocca la produzione di istamina.
  • Vitamine: La vitamina D è molto utile per difendere l’apparato respiratorio, e per assumerla basta ingerire cibi come uova, burro, formaggi grassi, aringhe, sgombri e sardine. Comunque, anche le vitamine C ed E, contenute nella frutta e nella verdura, aiutano a rinforzare il sistema immunitario.
  • Il ginkgo biloba: Conosciuto per le sue virtù sulla memoria, può essere efficace anche per le allergie. Contiene alcune molecole efficaci contro le infiammazioni allergica chiamate FAP (fattore di attivazione piastrinica).

The post Allergie primaverili: cause e rimedi naturali appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

Te lo diamo noi il contratto alla tedesca: idee per il governo (Diretta web!)

People For Planet - Lun, 04/23/2018 - 21:08

Moderatore: Jacopo Fo

Intervengono:
Marco Marchetti, docente di diritto amministrativo presso l’Università di Perugia: authority per i contratti di massa
Fabio Roggiolani
, esperto di ecologia ed ecotenologie: diminuire l’inquinamento urbano con il gnl
Corrado Giannone, tecnologo alimentare: razionalizzazione dei servizi di ristorazione ospedaliera
Luca Foresti, Centro Medico Santagostino: sistemi di razionalizzazione della gestione dei servizi diagnostici
Vincenzo Imperatore, esperto di finanza: trasformare la commissione bicamerale di inchiesta sulle Banche in una commissione stabile che vigili sull’attività bancaria

Per maggiori informazioni leggi qui

The post Te lo diamo noi il contratto alla tedesca: idee per il governo (Diretta web!) appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

Extreme Design

Le Buone Notizie di Cacao - Lun, 04/23/2018 - 15:20

Quando il design diventa estremo gli oggetti sembrano quasi prendere vita.
Continua su People For Planet

Corporate Barter: un baratto come soluzione di finanza alternativa

Le Buone Notizie di Cacao - Lun, 04/23/2018 - 15:19

La situazione è nera. Allo stato attuale sembra difficile immaginare uno scenario in cui le banche riaprano i rubinetti del credito ai piccoli imprenditori.
Continua su People For Planet

La Contessa del lunedì

Le Buone Notizie di Cacao - Lun, 04/23/2018 - 15:17

“- Ubaldooooooo!
Finalmente il sole!
La primavera, i fiori nelle aiuole!
Pronto per il ritorno del sorriso?
Col tempo uggioso
son giorni ch’è sparito dal tuo viso!
- Contessa, buondì…
Pensavo in effetti per festeggiare
di andare di là a cucinare:
tiramisù, montblanc
crostata ricotta e cioccolato…
- Così mi finisci dritto ricoverato!
Per rigenerarci davvero
ci vuole un “forest bathing”!
- Un bagno nella foresta?
Nella tinozza del giardiniere?
Mi pare ancora un po’ freddino
lo eviterei con piacere…
- Ma trattasi di metafora!
Immergersi nell’atmosfera della foresta….
Passeggiando tra gli alberi ci si libera la testa!
Si riduce lo stress, si ritrova il buonumore
diminuisce la pressione arteriosa
si rafforza il sistema immunitario
si gode per ore!
Come cura in Giappone
è normale prescrizione
qui da noi ci si sta attrezzando
per esempio con soggiorni ad hoc in Trentino…
Pronto per metterti in cammino?
- Veramente avrei la biblioteca da ricatalogare…
- Ci sono anche percorsi sensoriali da esplorare!
Camminare scalzi su muschi, felci, sabbie, corteccia…
- Mmmmm… che cosa godereccia…
- Ubaldo, dove vai? Non ti ho persuaso?
- Invece sì
e vado a far rifornimento
di menta in vaso.
Preparo già un medicamento…
Se il troppo camminar ci farà male
avremo il preparato per scrub e pediluvio naturale:
zucchero, olio d’oliva, olio essenziale e foglie di menta…
Che ne pensa?
Vede? Si posson risolver molte cose
accedendo alla dispensa!”

La Contessa

Italia record ai Sony World Photography Awards 2018

Le Buone Notizie di Cacao - Lun, 04/23/2018 - 15:14

Il Sony World Photography Awards è considerato il più importante concorso fotografico del mondo. Nell’edizione di quest’anno l’Italia ha trionfato con 6 scatti in finale e tre premiati nelle categorie Architettura, Paesaggi e Wildlife (Gianmaria Gava, Luca Locatelli e Roselena Ramistella).
Qui tutte le foto vincitrici

Mamma!

Le Buone Notizie di Cacao - Lun, 04/23/2018 - 15:12

La faccia della Regina Elisabetta quando Carlo l’ha chiamata “mummy” è impagabile. E’ successo durante il concerto per festeggiare il 92esimo compleanno della Regina al Royal Albert Hall.
Il principe Carlo ha preso parola davanti al pubblico e l’ha chiamata prima Vostra Maestà e poi “mamma” e alla vecchia signora per poco non prende un colpo.
Forse era la prima volta.
Video

Nel mondo ormai tutti respirano aria inquinata

People For Planet - Lun, 04/23/2018 - 09:54

L’agenzia Agi riporta uno studio dell’Health Effects Institute in cui si dice che sette miliardi di persone al mondo, il 95% della popolazione sulla Terra, ormai respira aria inquinata. E mentre nei Paesi più ricchi e industrializzati sembra esserci un miglioramento della qualità dell’aria, in quelli più poveri i livelli di smog sono sempre più alti.

Leggi tutto l’articolo cliccando qui

 

The post Nel mondo ormai tutti respirano aria inquinata appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

Extreme Design

People For Planet - Lun, 04/23/2018 - 05:36

The post Extreme Design appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog

Pd-M5S, idee per un programma condiviso alla tedesca!

People For Planet - Lun, 04/23/2018 - 04:29

Una cosa che pochi raccontano è che il M5S ha votato a favore delle leggi approvate dal Senato. Nel 39,5% dei casi. E parecchie sono state le leggi e gli emendamenti presentati dal M5S e poi approvati con i voti del Pd. Quindi una base da cui partire c’è e non è vero che il 5 Stelle ha detto sempre di no a tutto.
Il che non vuol dire che non ci sia disaccordo su molte grandi questioni.
Ma sicuramente si potrebbe trovare un territorio di dialogo.
Ci sono tante leggi facili, banali e condivise da chiunque abbia un minimo di buon senso. Alcune, per strani motivi, sono da anni parcheggiate al Parlamento in attesa di approvazione.
Con People for Planet ed Ecofuturo abbiamo invitato un gruppo di valenti specialisti, a un incontro via web, lunedì 23 aprile, alle 21 (in diretta sulla mia pagina FB).

CHE COSA INTENDIAMO CON LEGGI FACILI?
E’ possibile tagliare i tempi di attesa della sanità senza varare una grande riforma, ma cambiando il modo in cui gli ospedali sono organizzati.
Possiamo diminuire i costi della Sanità e contemporaneamente migliorare il servizio razionalizzando.
Le esperienze in Italia ci sono, funzionano! Che cosa succederebbe se Pd e M5S realizzassero un’alleanza per ottenere questa razionalizzazione?

Ad esempio, in Usa e Germania si vendono i farmaci sfusi, nel numero prescritto dalla ricetta medica.
Non è una questione di destra o sinistra, è semplice buon senso, si risparmia denaro e si evita di lasciare in giro medicine che poi vengono magari consumate a sproposito o divorate dai bambini. E si evita anche che vengano consumate medicine scadute.
Otterremmo un risparmio intorno ai 500 milioni di euro.

CONTINUA SUL FATTO QUOTIDIANO

The post Pd-M5S, idee per un programma condiviso alla tedesca! appeared first on PeopleForPlanet.

Categorie: Altri blog